LOADING

PIANO ALTO, VISTA DUOMO due stagioni di torri milanesi, Tulpenmanie Gallery, Milan – March 2017

Mar 12th, 2017

La Galleria Tulpenmanie e Lorenzo Degli Esposti sono lieti di presentare, nella propria sede in via Mauro Macchi 6 a Milano Piano alto, vista Duomo. Due stagioni di torri milanesi – mostra fotografica di Matteo Cirenei e Maurizio Montagna, con partecipazioni di Ugo La Pietra, Daniele Vitale e AUFO –  inauguratasi il 12.03.2017 e rimasta visitabile fino al 31.03.2017.

Negli anni ‘50 Milano è stato uno dei centri dell’architettura moderna, grazie alle opere di maestri che hanno rinnovato o contestato il lessico razionalista, interpretando in modi originali il lascito delle avanguardie. Il tipo della torre è emblematico di questa dialettica, con i vertici rappresentati dal Grattacielo Pirelli e dalla Torre Velasca, emblemi di due culture, di due anime della città. Le torri di questa stagione sono eccezioni in un tessuto orizzontale e continuo ma, a prescindere dalla diversità dei loro linguaggi, di fatto convalidano un’idea di città fatta di isolati urbani, pur nelle differenze dei casi specifici e dei committenti, spesso famiglie protagoniste dell’industria lombarda del boom economico.

Dopo un periodo di sostanziale stasi, salvo pochissime eccezioni, che è corrisposto alla diffusione in Europa e negli Stati Uniti degli studi sulla città sviluppati a Milano a partire dagli anni ’60, al principio del nuovo millennio si è verificata una nuova stagione meneghina di costruzioni in altezza. Negli ultimi dieci anni lo skyline milanese si è profondamente trasformato per via delle torri realizzate con grande coinvolgimento di archistar internazionali e di capitali anche stranieri, destinate ad ospitare in prevalenza gruppi bancari e assicurativi. A differenza della stagione precedente, le torri milanesi del nuovo millennio prediligono, con le dovute eccezioni, collocazioni autoreferenziali e indifferenti alla città consolidata, che perde ogni ruolo di orizzonte di riferimento, a favore di altri immaginari.

Piano alto, vista Duomo mette a confronto queste due stagioni, ciascuna delle quali è vista con gli occhi di due fotografi, Cirenei e Montagna, che prediligono l’uno un tipo di scatto ambientale e paesaggistico, l’altro un tipo di scatto focalizzato sull’oggetto architettonico. Un trittico di Ugo La Pietra (L’architettura monumentale è l’estetizzazione delle regole repressive. L’estetizzazione di una società invece della sua realizzazione, Milano storica: ciò che conta è quello che riusciamo a fare alle sue spalle., Bosco verticale) apre la mostra chiarendo il rapporto tra monumentalismi e cittadinanze; due composizioni – di Daniele Vitale (Filarete, la “praticaccia barbara” e i grattacieli) e di AUFO (milanoliquida) – la chiudono, illustrando gli antefatti e un futuristico scenario, già protocollato in forma di DIA presso il Comune di Milano n. di prot. PG 283852/2016.


Scheda della mostra

Titolo: Piano alto, vista Duomo. Due stagioni di torri milanesi

Sede: Galleria Tulpenmanie, Via Mauro Macchi 6, 20124 Milano

Vernice: domenica 12 marzo 2017; r.s.v.p.

Apertura: 13 – 31 marzo 2017; ingresso libero

Orario: lunedì – venerdì 10.00 – 13.00/15.00 – 18.00

 

www.tulpenmanie.net